Dormire in una botte, in una vigna. Ora si può!

In Enogastronomia, Idee weekend by Alessandro1 Comment

Avete mai pensato di dormire in una botte? Da oggi si può! Amante del turismo enogastronomico o dell’eco-turismo? Da oggi si può realizzare il sogno di dormire in piena campagna, anzi addirittura tra i vigneti. Ma non è tutto. La location ove trascorrere una piacevole nottata non è l’anonima stanza del solito agriturismo. In Germania tutto questo è realtà.

dormire botte6    dormire in una botte

Dormire in una botte.

Prendi delle botti, quelle grandi, sparpagliale qua e là nei vigneti, poi “adattale” per ospitare un bel letto matrimoniale e servizi, crea una porta ed una finestra, et voilà, il gioco è fatto.
L’idea nasce nella regione del Baden-Württemberg, a ridosso della Foresta Nera, a 350 metri al di sopra del villaggio di Sasbachwalden e vicino al confine con la Francia. La zona è famosa per le sue vigne e le specialità enogastronomiche. Il B&B si chiama Schlafen im Weinfass, che letteralmente vuol dire proprio “dormire in un barile di vino”.  Otto “stanze” in totale, arredate comodamente e riscaldate.

dormire in una botte    dormire botte3

La vista ed i suoni della campagna sono unici e valgono bene il prezzo un pò sopra la media per una sistemazione “spartana” ma assolutamente suggestiva (circa 150 euro a notte per due persone).

Da qualche giorno è possibile farlo anche in Italia allo chalet Corones!

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine TRAVEL - Mondo Viaggiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Dormire in una botte, in una vigna. Ora si può! ultima modifica: 2015-03-31T07:53:30+00:00 da Alessandro
The following two tabs change content below.
Curioso, curioso, curioso, iperattivo. Disponibile al confronto solo con esseri "pensanti", con chi è pronto a mettersi in gioco, disponibile a rivedere le proprie "certezze", con chi non si rifugia dietro un "Si è sempre fatto così...". Pregi? La curiosità. Difetti? La curiosità. "Non ho particolari talenti, sono soltanto appassionatamente curioso." (Albert Einstein)
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento