FES # veduta Medina #cudriec #emanuela gizziaa

Fes, una Medina disarmante del Marocco

In Diari di viaggio by Emanuela Gizzi

In Marocco la nostra ombra non ha più il profilo occidentale, il deserto e i Souk possono cambiare lo sguardo di chi guarda. Fes ne è un esempio.

Il Marocco, Fes e tutte le altre Città Imperiali non sono un itinerario per dormienti. Bisogna osservare e ascoltare quello che arriva dalla strada e dal deserto, mangiare lentamente il cibo che racconta la povertà di una terra e restare muti di fronte ai muli che trasportano imballi di mattoni pesanti, cercare di accettare la grande distanza tra occidentalità e metodi arabi.

fes #asino #cudriec #emanuela gizzi

photocredit: Emanuela Gizzi

Un viaggio di pancia e di riflessione.

La ricchezza di un viaggio sta nel mezzo. Il Marocco è una specie di cammino mistico e attraversarlo significa addentrarsi nelle cicatrici di questa terra, nel suo ventre bucolico, abbracciare una madre indegna e in alcuni momenti perversa; sfidare il deserto e poi abbandonarsi all’oasi, perdersi nei souk e poi ritrovarsi nei villaggi, tra i pescatori e poi tra gli incantatori di serpenti.

Dall’alba al tramonto si assiste a uno stratificarsi di ambre, ori, violacee mattinate, incandescenti orizzonti.

Poi arrivi a Fes.

La guardi dall’alto di una collina dirimpettaia, e rimani pietrificato dalla globalità del suo costruito, non ci sono spazi tra un abitato e l’altro, appare come possono apparire i presepi in creta, un blocco di case e casupole in cui ti chiedi se è possibile vivere o se, invece, dietro le facciate si nascondano appartamenti lussuosi e tappeti volanti.

Una volta davanti alla Porta della Medina di Fes, non ho più ritrovato la stessa città vista dall’alto, grandiosa e artistica. Lì, in quelle vie ossute, ombreggiate da stuoie e cannucciati, da tettoie improvvisate, da drappi sfilacciati, mi sono persa dietro il mio stesso naso.

fes #spezie #cudriec #emanuela gizzi2

Photocredit: Emanuela Gizzi

Fes è un sinuoso ed enigmatico centro storico che va spogliato, che deve essere aperto come si aprirebbe il vaso di Pandora e che non è permesso lasciarsela passare sotto i piedi con sufficienza solo per distrazione: si perderebbe il senso e il significato della storia di un popolo. Si tralascerebbe la sua immensa umanità. I volti pazzeschi che meritano di essere ritratti da un pittore o da un fotografo, quella luce polverosa che disegna linee pulviscolari; e le spezie, coni di spezie di cui mi immaginavo i sapori solo perché il colore corallo di una, o quello verde elettrico di un’altra, erano prepotentemente attori di un marciapiede.

Si tralascerebbero i suoi odori. Di carni macellate su cui si annidavano le mosche; di frutta lucida che ho visto solo nei cartoni animati; delle capanne di Shebbakia, piccoli dolci, come bugie o stracci, cosparsi di miele ed accatastati l’uno sull’altro, presi d’assalto da nubi ronzanti di api.

fes #babucce #cudriec #emanuela gizzi3

Photocredit: Emanuela Gizzi

Si tralascerebbero i colori. Quei monili d’argento e quelle babbucce manufatte che rivestono intermittenti i lunghi muri esterni dei negozi. Quelle donne fasciate da abiti neri, funeree fino agli occhi, fino, cioè, a quell’unico spiraglio che invece ci rivela una bellezza ancestrale e sguardi famelici; quegli uomini scarni, il cui spirito prevale sulla fisicità, quindi forti, impudenti ma con occhi da diavoli.

Tutta questa stravaganza nel Souk mi ha intossicato lo sguardo ma non lo spirito.

Quando sono uscita, il sole brillava alto, ho avuto bisogno di due minuti per riabituarmi a tanta luce.

fes #Medina #cudriec #emanuela gizzi

photocredit: Emanuela Gizzi

Poi ci sono stati altri Souk nel corso del viaggio ma nessuno era Fes.

La Medina di Fes ha qualcosa di straordinario: di intoccabile e allo stesso tempo, talmente è vivace, di necessariamente palpabile. Ho sempre avuto il desiderio di toccare ogni spezia, volto, gatto ozioso o piede sporco di terra.

L’atmosfera antica di questa Città Imperiale non passa inosservata, anzi, è disseminata prepotentemente lungo le vie strette e lambisce ogni forma o figura che incontra con una tale drammaticità che sembra quasi essere il risultato di un’iniezione di luce custodita nei secoli e rigeneratasi autonomamente per essere tramandata agli eredi universali. O a noi, semplici visitatori.

Scopri che tempo farà nei prossimi giorni in Italia e all'estero

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine TRAVEL - Mondo Viaggiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Fes, una Medina disarmante del Marocco ultima modifica: 2017-08-14T21:15:03+00:00 da Emanuela Gizzi
The following two tabs change content below.

Emanuela Gizzi

Se avessi un modo per definirmi non scriverei. Probabilmente sono l’insieme di tutte le parole che mi sono servite per definire altro. Probabilmente sceglierei un albero come simbolo di me stessa: le radici salde e i rami liberi.
Condividi questo articolo su: