Incisioni rupestri della Valle Camonica - Patrimonio Unesco da gustare

Incisioni rupestri della Valle Camonica – Patrimonio Unesco da gustare

In Città, Enogastronomia & Natura, Idee weekend by TizianaLascia un commento

Lombardia - seconda parte: prosegue il tour enogastronomico per completare il nostro viaggio alla scoperta di località uniche al mondo.



Lombardia – seconda parte: incisioni rupestri della Valle Camonica, Chiesa e convento domenicano di Santa Maria delle Grazie con l’Ultima Cena di Leonardo Da Vinci.

Approfitta del ponte in arrivo per visitare la Lombardia ed assaporare la sua gastronomia. Prenota ora!

Spot Elena Image Banner 728 x 90

Incisioni rupestri della Valle Camonica: Patrimonio dell’Umanità.

Nel precedente articolo abbiamo parlato dei Crespi D’Adda e del Monte San Giorgio, con i vari piatti tipici dell posto. Proseguiamo il viaggio in altre località della Lombardia.

Uno dei Patrimoni Unesco più impressionanti della provincia di Brescia è caratterizzato dalle incisioni rupestri della Valle Camonica, che si trovano disseminate in più di 24 Comuni. Oltre all’importanza archeologica, bisogna ricordare che questo sito è stato il primo a ricevere il riconoscimento UNESCO in Italia, risalente al 1979.

Incisioni rupestri della Valle Camonica - Patrimonio Unesco da gustare

Molte rocce sono dominate da figure umane realizzate in modo schematico, nella posizione detta dell’orante… (turismovallecamonica.it)

Il Parco Nazionale di Naquane.

Il Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Naquane, a Capo di Ponte, è stato il primo parco istituito in Valle Camonica nel 1955. L’area si estende per oltre 14 ettari e costituisce uno dei più importanti complessi di rocce incise nell’ambito del sito del Patrimonio Mondiale UNESCO n. 94 “Arte Rupestre della Valle Camonica”. Al suo interno, in uno splendido ambiente boschivo, è possibile ammirare ben 104 rocce incise. Corredate da pannelli informativi e suddivise in 5 percorsi di visita facilmente percorribili per circa 3 Km. La visita completa di tutti i percorsi richiede almeno 4 ore. La cronologia delle istoriazioni del Parco si colloca tra il Neolitico (V-IV millennio a.C.) e l’età del Ferro (I millennio a.C.). Anche se non mancano incisioni di età storica. L’epoca meglio rappresentata è sicuramente l’età del Ferro, quando la Valle era abitata dai Camunni delle fonti romane.

Incisioni rupestri della Valle Camonica - Patrimonio Unesco da gustare

La sola roccia n. 1 toglie il fiato, con circa un migliaio di figure. Non a caso è chiamata “La Grande Roccia”. (inchiostrovirtuale.it)

Incisioni rupestri della Valle Camonica: Patrimonio Unesco da gustare.

Dopo un giro tra i vari parchi attrezzati, dove si può ammirare anche la bellezza naturale delle montagne, bisogna riprendere le energie gustando i piatti tipici di questa valle, al confine con altre importanti valli lombarde. La Lombardia spesso è associata solamente a piatti poveri, come la polenta o il risotto alla milanese. Innanzitutto, bisogna considerare la grande ricchezza della tradizione culinaria contadina, spesso molto diversa da provincia a provincia.  Sono da provare la polenta alle castagne (quando è stagione), i pizzoccheri, il capriolo in umido, la lepre in salmì, la frittata con lo speck, la pizza di polenta con lucanica e le tagliatelle con noci e funghi.

Incisioni rupestri della Valle Camonica - Patrimonio Unesco da gustare

I pizzoccheri sono un formato di pasta riconosciuto come prodotto agroalimentare tradizionale della Valtellina. (.terredilombardia.info)

I dolci…

Per chi invece non sa rinunciare ai dolci, la vasta scelta di leccornie sicuramente non deluderà. Tegolini con panna e frutta, torta di lamponi, torta di noci, mele al forno, teste di moro e crostata di ricotta. Per digerire tutto questo ben di Dio, i camuni si affidano al liquore, al ginepro o ai frutti di bosco con grappa. Certamente, si tratta di pietanze piuttosto caloriche, adatte a chi un tempo doveva lavorare nei boschi o con gli animali, sbrigando faccende che richiedevano molta forza fisica. I sapori sono forti e facili da ricordare, tramandati da secoli e apprezzati anche ai giorni nostri.

Banner 2017 Image Banner 728 x 90

Chiesa e Convento domenicano di Santa Maria delle Grazie: Patrimonio dell’Umanità.

Passando invece a un importante centro urbano quale è Milano, il Patrimonio UNESCO più rappresentativo è sicuramente la Chiesa e il Convento domenicano di Santa Maria delle Grazie, dove si trova il Cenacolo vinciano. Anche in questo caso, il sito in questione ricopre il primato di aver seguito le incisioni rupestri camune nel ricevere la classificazione di patrimonio dell’umanità. Sia la Basilica che il Convento risalgono al Rinascimento. La loro costruzione è stata voluta da Lorenzo il Moro, Duca di Milano. La tribuna, in particolare, è stata realizzata probabilmente dal Bramante. Pochi sono a conoscenza del fatto che, durante la dominazione spagnola, Santa Maria delle Grazie divenne sede del Tribunale dell’Inquisizione dal XVI al XVIII secolo. La vera e propria attrazione resta però l’affresco di Leonardo da Vinci rappresentante l’Ultima Cena. Nel refettorio attualmente di proprietà del Comune di Milano.

Incisioni rupestri della Valle Camonica - Patrimonio Unesco da gustare

Esistono ben poche opere in grado di competere con l’emblematico dipinto parietale quattrocentesco di Leonardo. (getyourguide.it)

Milano e il suo Patrimonio da gustare!

Simbolo della cucina milanese sono sicuramente il risotto allo zafferano e la cotoletta. Ad ogni modo, si consiglia di cercare una trattoria dove poter gustare alcuni dei piatti tipici della tradizione culinaria meneghina. Come la cassoeula, il fritto misto con cervella e animelle e l’ossobuco. Tra i simboli della città c’è anche un pane, la michetta, a forma di stella e vuoto all’interno. Il dolce tipico è sicuramente il panettone. Consumato però solo per le festività natalizie. Ma secondo una tradizione tutta milanese viene riconsumato in concomitanza con la festa di San Biagio, protettore della gola, il 3 febbraio. Amati dai piccoli sono i biscotti chiamati pan mejni a base di farina di mais.

Incisioni rupestri della Valle Camonica - Patrimonio Unesco da gustare

La cassoeula è un piatto tipico della tradizione lombarda. Realizzato con le verze e le parti povere del maiale. (lombardiafood.it)

Curiosità…

Curiosamente, per favorire la digestione, i milanesi non si affidano a super alcolici. Ma a un caffè inventato da un napoletano e chiamato barbajada. Si tratta di un mix di caffè, panna e cioccolata.

Anche in questo caso, la cucina milanese regala sapori forti e molte calorie che possono essere tranquillamente bruciate in una passeggiata per le boutique, per la Galleria Vittorio Emanuele o per salire tra le guglie del Duomo, dove si può ammirare la Madonnina e la città che protegge.

Non perdere altri interessanti tour gastronomici in località Patrimonio dell’Umanità:

Venezia e la sua laguna – Patrimonio Unesco da gustare;

Veneto – Patrimonio Unesco da gustare;

Centro storico di Firenze – Patrimonio Unesco da gustare.

 

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine TRAVEL - Mondo Viaggiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Incisioni rupestri della Valle Camonica – Patrimonio Unesco da gustare ultima modifica: 2017-04-21T07:00:28+00:00 da Tiziana
The following two tabs change content below.

Tiziana

29 anni, un bagaglio già ricco di esperienze, ma ancora molti, molti sogni nel cassetto! I miei compagni di viaggio? Onestà, umiltà, semplicità ma soprattutto tanta voglia di vivere e di sperimentare sempre cose nuove, sia nel mondo del lavoro che nella vita in generale!
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento