meknes #cudriec #emanuela gizzi 2

A Meknes, come nel resto del Marocco, non si può rubare l’anima

In Città, Diari di viaggio by Emanuela Gizzi

Sembra molto poetica la definizione dei maghrebini e, Meknes non ne resta esclusa.

Dopo Fes e Rabat la stravagante e popolosa Medina di Meknes prende il sopravvento. Soprattutto nei vicoli ciechi, laddove di solito la luce del sole non penetra. Nei vicoli le sfumature rosee e i gialli predominanti dei muri, a un certo punto, evaporano dentro l’aria, colpiti da una luce allo zenith.

I vicoli colorati e un viavai di anime

meknes #cudriec #emanuela gizzi

Meknes, la Medina – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

I maghrebini, ognuno dedito al proprio lavoro, alla propria vita, sia in condizione di povertà che schiacciati dal peso di un enorme cesto sulla testa, appaiono irradiati, le pelli levigate, i vestiti pastello, gli occhi di vetro.
Si nascondono da me, dagli obiettivi che possono ritrarli. Mi guardano dal milionesimo angolo del milionesimo vicolo e poi scompaiono come se la luce che li aveva resi eterei alla fine li sgretolasse in pulviscolo.

meknes#cudriec#ema13

Meknes, Medina – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

In Marocco dicono di non volersi far rubare l’anima e io lo trovo molto poetico, tuttavia, proprio questa stessa poesia mi porta a voler raccontare le espressioni dei visi, le pelli di creta, gli sguardi ipnotici, il mondo che si nasconde dietro tanta polverosa clandestinità.

Una Meknes dal profilo arabo

La porta Bab el Monsour è sicuramente l’ingresso più autorevole di questa città, il suo simbolo più grandioso, un’opera dalle ricche rifiniture. Tuttavia non sono da meno le porte all’interno della Medina che, essendo costruite con il recupero di materiali saccheggiati dal sito archeologico di Volubilis, richiamano alle stravaganze spagnole e arabe. Per un attimo si ha la sensazione di essere altrove, non in Marocco.

meknes #cudriec #emanuela gizzi 2

Meknes, la porta di Bab el Monsour – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

In sé Meknes ha un fascino legato ai bagni turchi, a questo odore di tè speziato che si diffonde anche lungo le stradine e a un senso di benessere comune. Lo stesso si può dire alloggiando in uno dei suoi ryad: si ha la percezione di vivere in un limbo, tutto ruota intorno a un cortile centrale, le stanze sia al piano terra che al primo piano. Stanze arabesche il cui stile intarsiato, perfetto, fa desiderare una stanza così perfetta anche a Roma.

meknes#cudriec#ema9

Meknes, la Medina. Photo-Credit: Emanuela Gizzi

[[Amazon_Link_Text]]
Scopri che tempo farà nei prossimi giorni in Italia e all'estero

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine TRAVEL - Mondo Viaggiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
A Meknes, come nel resto del Marocco, non si può rubare l’anima ultima modifica: 2017-09-10T17:00:48+00:00 da Emanuela Gizzi
The following two tabs change content below.

Emanuela Gizzi

Se avessi un modo per definirmi non scriverei. Probabilmente sono l’insieme di tutte le parole che mi sono servite per definire altro. Probabilmente sceglierei un albero come simbolo di me stessa: le radici salde e i rami liberi.
Condividi questo articolo su: