Pesaggi di strada# Marocco #cudriec #emanuela gizzi #pietre di carta

Moulay Idriss e Volubilis: Marocco, verdi sembianze

In Diari di viaggio by Emanuela Gizzi

Il passo è breve da Moulay Idriss a Volubilis ma i paesaggi cambiano, come sempre improvvisamente, tingendosi d’ oro, di cenere, di nero.

Pesaggi di strada# Marocco #cudriec #emanuela gizzi #pietre di carta

Marocco, paesaggi di strada – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

Volubilis e Moulay Idriss, due amanti solitarie.

Di Moulay Idriss ho tre diverse sensazioni. La prima è di stupore. Dall’alto sembra un gioiello incastonato tra il mare, le rocce e il nulla. Non a caso, forse, i tetti più grandi hanno il colore dello smeraldo e sono circondati da una glassa bianca di case come una ghiera. La seconda è di smarrimento. Internamente somiglia a un labirinto, è una città contorta, veloce, sale e scende, fa impazzire, poi diventa improvvisamente una strada larga dove sembra, scorra tutta la vita di un popolo. La terza è di rimpianto. Improvvisamente il silenzio dei vicoli viene aggredito dal rumore del traffico, dalle voci, dagli occhi dei muli, chiassosi, il dorso tristemente carico.

moulay idriss #cudriec #emanuel65

Moulay Idriss – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

I locali sono sudici, affollati di mosche e, i marocchini che cucinano, non rispettano alcuna regola sanitaria. Sorrido pensando a tutti i nostri divieti.

Una graticola che fuma, attira la mia attenzione, più per le fotografie di persone esposte sul bancone che per gli spiedi di salsiccia. Mi appoggio in una saletta come quella di un bar, il rumore chiassoso del televisore si confonde con quello delle mosche. Alle pareti solo alcuni poster di cantanti, strappate.
Tavoli e sedie compaiono all’istante, così mi siedo e nel ronzio generale, provocato anche da qualche ventilatore acceso, mangio, osservando i poster e chiedendomi se può esistere un posto più surreale di questo. L’uomo che cucina in strada è felice, ha un gran sorriso. Eppure ha una magrezza che mi fa soffermare sulle sue mani, sulle guance, sulla vita. Per un po’ resto assorta a pensare a quel mondo tanto diverso. Alla fame.

[[Amazon_Link_Text]]
Volubilis #cudriec #emanuel66

Volubilis – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

Il sito romano a cui ho preferito un’iguana.

Volubilis, è a pochi chilometri da Moulay Idriss, respira appieno della sua posizione aperta, dentro un paesaggio profondo, inarrivabile. I resti romani, la basilica, l’acquedotto, le terme sono sullo sfondo, si stagliano nette come delle silhouettes. Il sole alle spalle gioca in loro favore. Non visito il sito archeologico, il caldo mi fa desistere.

volubilis #cudriec #emanuel68

Volubilis – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

Rimango accampata su una delle sedie poste fuori da una baracca adibita a punto ristoro. Io, la macchina fotografica e una simpatica iguana che, di tanto in tanto, mi guarda fissa. Si è come pietrificata sullo schienale e se ne sta lì, a guardare anche lei le silhouettes cambiare di colore.

Io e un’iguana sedute al tavolino di un bar improbabile, e lei, l’iguana, compiaciuta che io la fotografi. Assume pose diverse. Colloquiamo così. Poi il tramonto ci brucia. E io riparto.

strada Marocco #cudriec #emanuela gizzi #pietre di carta

Marocco, paesaggi di strada – PhotoCredit: Emanuela Gizzi

Riprendo il viaggio verso dune farinose, strade che corrono solitarie, villaggi operosi e brulicanti di commercio, pugni di case remote, sporcizia e lusso, sabbie bianco cenere, di nuovo strade solitarie, tribù nomadi, dune nere.

 

Scopri che tempo farà nei prossimi giorni in Italia e all'estero

Booking.com

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine TRAVEL - Mondo Viaggiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Moulay Idriss e Volubilis: Marocco, verdi sembianze ultima modifica: 2017-09-14T12:00:06+00:00 da Emanuela Gizzi
The following two tabs change content below.

Emanuela Gizzi

Se avessi un modo per definirmi non scriverei. Probabilmente sono l’insieme di tutte le parole che mi sono servite per definire altro. Probabilmente sceglierei un albero come simbolo di me stessa: le radici salde e i rami liberi.
Condividi questo articolo su: