Stai organizzando un viaggio in Tibet? Ecco cosa devi sapere.

In Città by RobertoLascia un commento

Dalle pratiche burocratiche, il mal d'altitudine ai posti assolutamente da vedere

Prima di organizzare un viaggio in Tibet è necessario tenere conto di alcune informazioni decisamente molto importanti. Per prima cosa, ad esempio, bisogna sapere che servono più o meno 5 giorni rigorosamente lavorativi per poter ottenere i permessi necessari per partire. Proprio per questo motivo, è necessario muoversi per tempo.

Per quanto riguarda, invece, il periodo migliore in cui organizzare un viaggio in Tibet è opportuno tenere conto del fatto che il migliore è quello che va dalla fine della primavera e le prime settimane dell’autunno.

Quando è preferibile partire?

Capodanno in Tibet. Phot Credit: Il Post

In ogni caso, è opportuno tenere a mente che tra febbraio e marzo viene festeggiato il Capodanno tibetano. Dunque, dal punto di vista politico la situazione potrebbe essere complessa. In merito, invece, alla primavera, in Tibet cade tra il mese di aprile e quello di marzo. L’ideale, quindi, sarebbe programmare il viaggio proprio in questo periodo.

Tibet. Photo Credit: Tibetan Review

Anche l’estate è un periodo buono per visitare il Tibet. In questo periodo, però, sono davvero moltissimi i turisti provenienti da ogni parte del mondo e, a meno che non si amino le località particolarmente affollate, è preferibile optare per altre date.

Tibetani in festa. Photo Credit: Whistling Arrow

D’altro canto, in estate tutta la zona pullula di festival e consente a tutti i visitatori di scoprire da vicino tradizioni e culture locali. Inoltre, il clima è molto più caldo rispetto ai mesi primaverili e la quantità di ossigeno è più alta. Per tale ragione, si tratta del periodo preferito dai turisti.

E per quanto riguarda l’autunno?

Camping in Tibet. Photo Credit: Nature Trail Trekking

I mesi d’autunno sono settembre e ottobre. In questo periodo i turisti non mancano affatto. Le condizioni climatiche sono perfette sia per chi ama le escursioni che per gli appassionati del campeggio e, dunque, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

Monastero di Labrang, Tibet in Inverno. Photo Credit: Panorama

L’unico periodo da non prendere in considerazione se si ha intenzione di organizzare un viaggio in Tibet è l’invero. In inverno, infatti, il clima è particolarmente avverso. Se, però, proprio non se ne può fare a meno, la cosa migliore sarebbe optare per il mese di novembre in cui le tariffe sono particolarmente basse e il freddo ancora non è arrivato.

I documenti necessari

Tibet. Photo Credit: l’Opinione Pubblica

Per entrare nel paese è necessario essere in possesso di un regolare permesso di soggiorno. Per riuscire ad espletare tutte le pratiche, sarebbe opportuno inoltrare la richiesta circa 20 giorni prima della partenza.

Mal d’altitudine

Le montagne del Tibet. Photo Credit: Tutto su… – Virgilio

Tra le curiosità in merito ai viaggi in Tibet c’è il fatto che alcuni turisti si sono trovati a fare i conti con il cosiddetto mal d’altitudine. Le montagne del Tibet sono molto altre e, per tale ragione, a tutti i turisti è consigliabile trascorrere qualche giorno a Lhasa non appena scesi dall’aereo in modo tale da abituare l’organismo. Se si dovesse avere qualche problema di salute prima della partenza, la cosa migliore sarebbe posticipare il viaggio al fine di evitare ulteriori complicazioni. Tra i consigli da tenere a mente c’è, poi, quello di bere molta acqua, di non appesantirsi a tavola, di non affaticarsi troppo e di fare attenzione agli sbalzi di temperatura.

Cosa visitare?

In ultimo, facciamo un breve excursus su ciò che proprio non si può perdere se si ha intenzione di organizzare un viaggio in Tibet. Prima cosa, in occasione di un viaggio in Tibet è fondamentale visitare i famosi monasteri buddhisti oltre che i tipici villaggi tibetani.

Zezhol, monastero della roccia. Tibet. Photo Credit: Cina – Quotidiano.net

Chi ha intenzione di approfondire la cultura tibetana, poi, non deve assolutamente perdere l’opportunità di visitare il monastero di Deege. Si ha la possibilità di conoscere da vicino la cultura di questo paese tutto da scoprire.

Tibet. Photo Credit: Boscolo

In Tibet, poi, non si può che non ammirare i paesaggi incantati in cui i laghi e le montagne si alternano a bellissime valli incantate. Insomma, a questo punto non resta altro da fare che preparare i bagagli, espletare tutte le pratiche necessarie e partire.

Scopri che tempo farà nei prossimi giorni in Italia e all'estero

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine TRAVEL - Mondo Viaggiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Stai organizzando un viaggio in Tibet? Ecco cosa devi sapere. ultima modifica: 2017-07-11T06:50:04+00:00 da Roberto
The following two tabs change content below.
Curioso, creativo, sempre in cerca di qualcosa da fare e scoprire, da realizzare con le proprie mani. Amo viaggiare e scoprire posti nuovi, osservare e guardare con attenzione ogni singolo momento della mia vita, adoro mangiare e assaporare gusti nuovi e cimentarmi in esperimenti culinari.
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento