Venezia - Patrimonio Unesco da gustare

Venezia e la sua laguna – Patrimonio Unesco da gustare

In Città, Enogastronomia, Idee weekend by TizianaLascia un commento

Veneto: alla scoperta di luoghi spettacolari ed unici al mondo e dei piatti tipici del posto.

Venezia e la sua laguna sono certamente uno dei luoghi più magici e spettacolari al mondo. Non sorprende perciò che siano considerati Patrimonio dell’Umanità, inserite nella World Heritage List dell’Unesco nel 1987. Ma cosa visitare a Venezia?

Perché non approfittare della Pasqua per trascorrere qualche giorno a Venezia?! Prenota ora!

Moon 728x90

Venezia e la sua laguna: Patrimonio dell’Umanità.

Simbolo della città è sicuramente Piazza San Marco con l’omonima Cattedrale in stile bizantino. Con il Campanile e il Palazzo Ducale. E’ l’unico spazio ampio di Venezia che ha il privilegio di poter essere chiamato “piazza”. Mentre tutte le altre zone con questa caratteristica vengono chiamate “campi”.

Il centro storico di Venezia è diviso in due dal Canal Grande, lungo ben 4 chilometri. Se volete osservare ed ammirare la città da un punto di vista diverso, partecipate al tour sul Canal Grande. Parte dalla stazione ferroviaria di Santa Lucia fino a Piazza San Marco per offrivi uno scenario meraviglioso.

Venezia e la sua laguna - Patrimonio Unesco da gustare

Piazza San Marco è une delle più importanti piazze italiane rinomate in tutto il mondo per la sua bellezza. (Photocredit: ulivita.it)

Venezia e la Sua caratteristica.

L’esigenza di collegare diverse zone fra loro e rendere gli spostamenti più agevoli ha fatto sì che i veneziani costruissero numerosi ponti. Trasformarono quindi un’esigenza in una nota distintiva della città. Venezia è caratteristica proprio per tutte queste “mezze lune” che si incontrano lungo i canali. Non è facile contarli uno ad uno, perché i ponti di Venezia sono ben 354! Il più celebre, forse, è il Ponte dei Sospiri, che si contende la fama con il Ponte di Rialto.

Venezia e la sua laguna - Patrimonio Unesco da gustare

Il Ponte di Rialto è uno dei quattro ponti che attraversano il Canal Grande. (Photocredit: cosafarea.it)

Altri luoghi da visitare a Venezia e la sua laguna…

Altri luoghi d’interesse sono l’Arsenale, la Basilica di Santa Maria della Salute e quella di Santa Maria Gloriosa dei Frari. Potete trovare le spoglie di Santa Lucia nella Chiesa di San Geremia e Santa Lucia. Nella laguna, Murano e Burano sono centri di importanti produzioni artigianali, quali il vetro e il merletto.

Venezia e la sua laguna - Patrimonio Unesco da gustare

Murano è sede di numerose fabbriche di singoli artisti che creano oggetti in vetro e sculture originali. (Photocredit: aheadcomunicazione.it)

Venezia e la sua laguna: Patrimonio Unesco da gustare!

Vale la pena visitare Venezia anche per la ricca cucina che offre, a base soprattutto di pesce com’è logico pensare. Il piatto più gustoso è composto dalle sarde in saor. Saor in dialetto veneto significa “sapore”. Gli ingredienti, semplici e poveri ma magistralmente amalgamati vedono protagoniste le sarde, cipolle e aceto. Questo piatto si fa risalire, addirittura, al 1300, quando per conservare il pesce fu ideata questa “salsa agrodolce per il pesce”.

Venezia e la sua laguna - Patrimonio Unesco da gustare

Sarde in saor… quando ne metti una in bocca pensi già alla seconda! (Photocredit: 2night.it)

Ma bisogna provare anche risi e bisi. Si tratta di un primo piatto a base di riso e piselli che, per la sua consistenza non troppo densa né troppo liquida, viene considerato a metà tra un risotto ed una minestra . E’ particolarmente adatto sia nei mesi invernali che in quelli primaverili.

Assapora il carattere di un territorio. Scopri i viaggi organizzati di BOSCOLO. Prenota ora!

GIFT Contenuto 728x90

Le moeche che sono dei crostracei e nella fattispecie dei granchi sono il piatto più richiesto in autunno e a primavera quando le moeche arrivano in Laguna a Venezia.

Venezia e la sua laguna - Patrimonio Unesco da gustare

Moeche: in primavera ed in autunno, in fase di muta, perdono il loro duro carapace e si presentano molli e teneri. (Photocredit: larivieradelbrenta.it)

E ancora…

Altri piatti tipici da gustare a Venezia sono il fegato alla veneziana, preparato con fegato di maiale o di vitello e generalmente da accompagnare con polenta bianca di mais. Polenta e schie (o Schile), sono i gamberetti grigi tipici della laguna di Venezia, un tempo relegate a cibo dei poveri. Oggi sono invece considerate una prelibatezza quasi al pari del caviale beluga.

Venezia e la sua laguna - Patrimonio Unesco da gustare

Polenta e schie: uno degli antipasti più famosi della cucina veneziana. (Photocredit: ristorantedelfino.it)

Il pan biscotto viene mangiato in sostituzione del pane fresco. Il classico abbinamento è quello con la sopressa vicentina e con i salumi. Ma si adatta a molti altri sapori. Con l’Asiago e i formaggi, con verdure fresche e brasate. Alcuni lo mangiano perfino per accompagnare l’anguria. Le fritole, tipico dolce del carnevale veneziano.

Non temete di mangiare troppo, a Venezia si può solo camminare!

Non perdere altri interessanti tour gastronomici in località Patrimonio dell’Umanità:

Necropoli di Tarquinia e Cerveteri – Patrimonio Unesco da gustare;

I Trulli di Alberobello – Patrimonio Unesco da Gustare;

Su Nuraxi di Barumini – Patrimonio Unesco da gustare;

Dolomiti – Patrimonio Unesco da gustare;

I Sassi di Matera – Patrimonio Unesco da gustare;

Cinque Terre – Patrimonio Unesco da gustare.

Scopri che tempo farà nei prossimi giorni in Italia e all'estero

Interessante?

Puoi condividerlo con i tuoi amici e conoscenti o lasciare un commento. La tua opinione per noi è importante!
Continua a navigare il magazine TRAVEL - Mondo Viaggiare attraverso le varie categorie (in alto) o gli articoli correlati che trovi di seguito.
Venezia e la sua laguna – Patrimonio Unesco da gustare ultima modifica: 2017-03-20T12:50:41+00:00 da Tiziana
The following two tabs change content below.

Tiziana

29 anni, un bagaglio già ricco di esperienze, ma ancora molti, molti sogni nel cassetto! I miei compagni di viaggio? Onestà, umiltà, semplicità ma soprattutto tanta voglia di vivere e di sperimentare sempre cose nuove, sia nel mondo del lavoro che nella vita in generale!
Condividi questo articolo su:

Lasciaci un tuo commento